We are Online Market of organic fruits, vegetables, juices and dried fruits. Visit site for a complete list of exclusive we are stocking.

Usefull links

Contact us

Carrello
0.00
Varnelli – Anice Secco Speciale

Varnelli – Anice Secco Speciale

20.90

il “Varnelli” è un anice secco speciale che trae origine dalla particolare e segreta lavorazione dell’anice. Il suo aroma fresco ed intenso fa sì che una piccola quantità basti per dare più gusto anche al migliore espresso o all’orzo. Veramente speciale per fare il “raschietto”.
Si beve liscio, con ghiaccio, nei cocktail.

In stock

Descrizione

Varnelli – Sovrano correttivo del caffè

Il Varnelli è un prodotto unico ed originale che esalta la tradizione mediterranea dei liquori all’anice ed è apprezzato, sia in Italia che all’estero, per il suo gusto secco e deciso che lo rende assai gradevole in molteplici usi. Varnelli, l’espressione dell’anice allo stato puro: degustandolo si entra nel mondo di un “gusto speciale”, difficile da descrivere a parole. Per questo la sua etichetta riporta da sempre una frase coniata da Antonio Varnelli: “A farmi preferir basta un assaggio”.

Sovrano correttivo del caffè:  Mezzo cucchiaino di Varnelli in un caffè espresso o nell’orzo è il modo più diffuso e tradizionale di godersi il Varnelli: la correzione ideale che non altera il gusto del caffè ma lo completa e lo esalta.
Aperitivo mediterraneo: Aggiunto all’acqua, a cui conferisce una gradevole e caratteristica opalescenza, è uno squisito ed efficace dissetante.

Liscio, ghiacciato, on the rocks: Il Varnelli è un vero maestro di convivialità. C’è chi lo ama liscio a temperatura ambiente, chi lo beve ghiacciato, chi lo arricchisce di cubetti di ghiaccio. Dà vivacità e sorprende piacevolmente in molti cocktails e long drink. Protagonista negli abbinamenti con il sigaro e con il cioccolato, viene presentato dall’azienda anche nel gustoso Cicchetto di cioccolato fondente.

In cucina ed in pasticceria: Il Varnelli si rivela speciale anche sul gelato, sulla frutta, sul sorbetto ed in molti usi di pasticceria e di cucina. Molto utilizzato nei dolci, è sorprendente nell’abbinamento con gli ingredienti salati, ai quali dona la propria indiscutibile personalità, senza sovrastarli, destando perciò l’interesse di importanti chef che scelgono il Varnelli per le loro ricette di successo.

Gradazione alcolica: 46% vol.
Ingredienti: acqua, alcol, zucchero, distillato di anici
Origine: Italia


Alcune Ricette:

Nuvolone
3 cl Varnelli
10 cl acqua minerale naturale
Versare in un tumbler con ghiaccio il Varnelli e completare con acqua naturale. Guarnire con una fetta di limone e servire con cannuccia.

Pantera Rosa
1,5 cl sciroppo di granatina di fragola
4,5 cl Varnelli
9 cl succo di pompelmo
Preparare nello shaker e servire in un tumbler pieno di ghiaccio: guarnire con fragola o ciliegina. Si può fare anche in bowl con molto ghiaccio

Perito Moreno
4 cl Varnelli
Versare in un bicchiere pieno di ghiaccio 4 cl. di Varnelli. 

Proposta Sorbetto
1 cl Varnelli (uno spruzzo) su 60 gr. di gelato al limone

Informazioni aggiuntive

Quantità ml

700 ml.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Varnelli – Anice Secco Speciale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe anche interessare...

adesso varnelli

Adesso Varnelli

29.90

Adesso Varnelli – Liquore dal gusto completo

Fatto con il liquore Caffè Moka corretto al Varnelli, Adesso è un prodotto originale che consente di gustare già pronta un tipico e diffuso cocktail marchigiano: il “calzolaro” Si beve liscio, con ghiaccio e rinforza di gusto il caffè shakerato.
Gradazione alcolica: 33% vol.

amaro Sibilla varnelli

Amaro Sibilla

32.90

Pregiato amaro ottenuto direttamente da un decotto su fuoco a legna di genziana ed altre piante officinali. Dolcificato con miele dei Monti Sibillini, è ottimo come dopo pasto e sì beve liscio, con fetta d’arancia o con ghiaccio. Come aperitivo si allunga con gassosa o con vino o con vermouth.
Dà un perfetto tocco bitter a cocktail e long drink.

amaro erborista varnelli

Amaro dell’Erborista

38.90

Questo amaro è ottenuto con undecotto su fuoco a legna di Genziana e altre piante officinali. E’ dolcificato con miele dei Monti Sibillini.
Non colorato e non filtrato. Si beve liscio con ghiaccio o come grog, con scorza d’arancia.

Gradazione alcolica: 21% vol.

Quick Comparison

SettingsVarnelli - Anice Secco Speciale removePecorino Offida DOCG Villa Angela Velenosi removeMoretta Fanese removeChardonnay Marche I.G.T. - Villa Angela removeMistrà Baldoni removeLudi - Offida DOCG Rosso remove
ImagevarnelliVilla-Angela-Offida-DOCG-Pecorinomajor Antica Moretta FaneseVilla-Angela-Marche-IGT-ChardonnayLudi-Offida-DOCG-Rosso
SKU
Rating
Price20.9013.9011.5010.90 9.9035.90
Stock

2 disponibili

Availability2 disponibili
Add to cart

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Descriptionil "Varnelli” è un anice secco speciale che trae origine dalla particolare e segreta lavorazione dell'anice. Il suo aroma fresco ed intenso fa sì che una piccola quantità basti per dare più gusto anche al migliore espresso o all'orzo. Veramente speciale per fare il "raschietto". Si beve liscio, con ghiaccio, nei cocktail.  - Tipicità -
Il Pecorino è un vitigno derivante da un'antica varietà originaria delle Marche, diffusa in particolare sulla dorsale dei Monti Sibillini (come testimoniato dal bollettino ampelografico del 1875). Verso la fine degli anni Ottanta, grazie all'impegno di Guido Cocci Grifoni, è stato introdotto nei dintorni di Offida e Ripatransone (Ascoli Piceno). Dal vitigno Pecorino si ottiene un vino di colore giallo paglierino con riflessi verdolini. I profumi sono tipici della frutta tropicale e di fiori bianchi, ginestra, acacia e gelsomino. Finale caratterizzato da una buona persistenza.
– Tipicità –
E’ la tipica bevanda dei Marinai di Fano (PU) nata dalla tradizione di scaldarsi nelle giornate in altura, ed è conosciuta come “Moretta Fanese”, ormai nota ed apprezzata in ogni parte d’Italia. Leggi in descrizione la sua preparazione, alcune curiosità e gli ingredienti.
Vista: Giallo paglierino luminoso Olfatto: Fruttato, floreale e franco, offre un complesso corredo aromatico. Gusto: Fresco e fragrante, in questo vino troviamo tutti gli aromi caratteristici del vitigno accompagnati da eleganza e struttura notevoli. Piacevole è la sua spiccata acidità. Abbinamenti: Il vino Chardonnay va servito a una temperatura di 10-12 C ed è ottimo in abbinamento a piatti a base di pesce, molluschi e crostacei, ma anche pollame e primi piatti leggeri a base di verdure.Liquore ottenuto dalla distillazione dei semi di anice verde e anice stellato. Particolarmente indicato come correttivo del caffè, liscio come ottimo digestivo, allungato con acqua e/o ghiaccio come inimitabile dissetante. Ottimo coadiuvante anche per la preparazione e lievitazione dei dolci. - Tipicità - La Denominazione di Origine Controllata e Garantita «Offida» è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal disciplinare di produzione per le seguenti tipologie: Pecorino, Passerina, Rosso.
ContentVarnelli - Sovrano correttivo del caffè Il Varnelli è un prodotto unico ed originale che esalta la tradizione mediterranea dei liquori all’anice ed è apprezzato, sia in Italia che all’estero, per il suo gusto secco e deciso che lo rende assai gradevole in molteplici usi. Varnelli, l’espressione dell’anice allo stato puro: degustandolo si entra nel mondo di un "gusto speciale", difficile da descrivere a parole. Per questo la sua etichetta riporta da sempre una frase coniata da Antonio Varnelli: "A farmi preferir basta un assaggio". Sovrano correttivo del caffè:  Mezzo cucchiaino di Varnelli in un caffè espresso o nell’orzo è il modo più diffuso e tradizionale di godersi il Varnelli: la correzione ideale che non altera il gusto del caffè ma lo completa e lo esalta. Aperitivo mediterraneo: Aggiunto all’acqua, a cui conferisce una gradevole e caratteristica opalescenza, è uno squisito ed efficace dissetante. Liscio, ghiacciato, on the rocks: Il Varnelli è un vero maestro di convivialità. C'è chi lo ama liscio a temperatura ambiente, chi lo beve ghiacciato, chi lo arricchisce di cubetti di ghiaccio. Dà vivacità e sorprende piacevolmente in molti cocktails e long drink. Protagonista negli abbinamenti con il sigaro e con il cioccolato, viene presentato dall’azienda anche nel gustoso Cicchetto di cioccolato fondente. In cucina ed in pasticceria: Il Varnelli si rivela speciale anche sul gelato, sulla frutta, sul sorbetto ed in molti usi di pasticceria e di cucina. Molto utilizzato nei dolci, è sorprendente nell’abbinamento con gli ingredienti salati, ai quali dona la propria indiscutibile personalità, senza sovrastarli, destando perciò l’interesse di importanti chef che scelgono il Varnelli per le loro ricette di successo. Gradazione alcolica: 46% vol. Ingredienti: acqua, alcol, zucchero, distillato di anici Origine: Italia
Alcune Ricette: Nuvolone 3 cl Varnelli 10 cl acqua minerale naturale Versare in un tumbler con ghiaccio il Varnelli e completare con acqua naturale. Guarnire con una fetta di limone e servire con cannuccia. Pantera Rosa 1,5 cl sciroppo di granatina di fragola 4,5 cl Varnelli 9 cl succo di pompelmo Preparare nello shaker e servire in un tumbler pieno di ghiaccio: guarnire con fragola o ciliegina. Si può fare anche in bowl con molto ghiaccio Perito Moreno 4 cl Varnelli Versare in un bicchiere pieno di ghiaccio 4 cl. di Varnelli.  Proposta Sorbetto 1 cl Varnelli (uno spruzzo) su 60 gr. di gelato al limone
- Tipicità -
Il Pecorino è un vitigno derivante da un'antica varietà originaria delle Marche, diffusa in particolare sulla dorsale dei Monti Sibillini (come testimoniato dal bollettino ampelografico del 1875). Verso la fine degli anni Ottanta, grazie all'impegno di Guido Cocci Grifoni, è stato introdotto nei dintorni di Offida e Ripatransone (Ascoli Piceno). Dal vitigno Pecorino si ottiene un vino di colore giallo paglierino con riflessi verdolini. I profumi sono tipici della frutta tropicale e di fiori bianchi, ginestra, acacia e gelsomino. Finale caratterizzato da una buona persistenza. Grande traguardo per le Marche, in particolare per la provincia di Ascoli Piceno che nell’annata 2011 ha avuto la sua grande soddisfazione con la trasformazione della DOC Offida in DOCG. La valorizzazione del territorio e l'impiego di questo vitigno autoctono, da pochi anni riscoperto, ma oggi molto apprezzato e ricercato, ha permesso la nascita e lo sviluppo di questa nuova ed esaltante denominazione. VENDEMMIA: Raccolta a mano, la mattina presto o nel tardo pomeriggio, con accurata selezione delle uve. I grappoli vengono delicatamente adagiati in piccole cassette poste, prima di giungere in cantina, in celle a temperatura controllata. FERMENTAZIONE In piccoli serbatoi di acciaio, a temperatura controllata per preservare al massimo gli aromi delle uve. Il mosto inizia la fermentazione con i lieviti indigeni e, solo dopo aver svolto tra il 4 e il 5% di alcol in volume, vengono aggiunti lieviti selezionati. Terminata la fermentazione il vino rimane in vasche d’acciaio a bassissime temperature, circa 10°C e, a cadenze tra i 3 e i 5 giorni, si effettuano rimontaggi sulle fecce fini per esaltare la morbidezza di questo vino. Vista: Cristallino, giallo paglierino con luminosi riflessi dorati. Profumo: Al naso, fine ed elegante, esprime frutti maturi a pasta gialla. Anche i fiori sono gialli e netto è il riconoscimento di ginestra. Chiudono il bouquet ricordi erbacei e accenni di salvia e timo, con suadente chiusura minerale. Gusto: Il massimo del potenziale di questo vino è rilevabile al palato, dove l'ottima maturazione delle uve ha consentito di realizzare l'ideale connubio tra morbidezza e freschezza. Si propone al gusto con grande rotondità e prosegue con sorprendente freschezza e sapidità. La grande struttura e la piacevole sapidità ne fanno un vino coinvolgente. Gradi: 13% vol. Anno: 2018 Prodotto in Italia Contiene solfiti Foglia: medio-piccola, orbicolare, intera o trilobata Grappolo: medio, cilindrico o cilindro-conico, talvolta alato, semi-serrato o semi-spargolo Acino: medio-piccolo-sferico Buccia: mediamente pruinosa, di colore giallo, a volte con screziature marroni.
Zona Di Produzione: Uve selezionate nei vigneti di Ascoli Piceno e Offida Altitudine: 200-300 mt s.l.m. Tipologia Del Terreno: Medio Impasto Tendente Al Sabbioso. Uvaggio: Trebbiano 50%; Passerina 30%; Pecorino 20% Sistema di allevamento: Guyot Densità D’impianto: 5.000 Ceppi Per Ettaro. Resa per ettaro / ceppo: 75q.li di uva circa / 1,5 Kg Di Uva Circa. Prima Vendemmia Imbottigliata : 2011 Abbinamenti: Il Pecorino è ottimo come aperitivo e si sposa perfettamente ad antipasti, minestre, primi piatti, pesce e carni bianche, nonché a formaggi di media stagionatura.

MAJOR DISTILLERIE

Strada Fontetta, 2 61043 Cagli (PU) P.Iva 02408260418

 - Tipicità -

Diventata "Prodotto Agroalimentare Tradizionale", è entrata nel 2001 a far parte dei cocktail ufficiali AIBES (Associazione Italiana Barman e Associati). Ideale tutto l'anno come fine pasto al posto del classico caffè o del caffè corretto; ottimo per scaldarsi nelle fredde giornate invernali. La Moretta va consumata caldissima, momento in cui le sue proprietà organolettiche raggiungono il massimo livello di piacevolezza.
Bottiglia da 0,7 lt. - già zuccherata Gradazione: 25% vol. Ingredienti: vedi immagine allegata Origine: Italia N.B. : La Moretta potrebbe essere "Major distillerie" o "Marasco liquori" a seconda della disponibilità. Qualità e sapere sono i medesimi. La Moretta fanese nasce in tempi lontani e non definiti. E' originaria delle Marche e più precisamente di Fano (PU) per merito dei marinai e pescatori fanesi. Non si conosce la data precisa di nascita, dovrebbe risalire ai primi decenni del‘900 quando la povertà dilagava. Niente sprechi in quei tempi: marinai e pescatori erano soliti scaldarsi con del caffè corretto usando rimasugli di liquori avanzati che venivano mescolati assieme con il caffè. Da qui nacque la ricetta portata fino ai giorni nostri. Il suo nome deriva - probabilmente - dal fatto che in quegli anni ('50/'60) la maggior parte dei rum avesse etichette che riportavano immagini di donne di colore (Muréta, in dialetto Fanese); e nella preparazione della Moretta che giunge ad oggi è infatti immancabile il Rum Fantasia Creola-Baldoni (presente anch'esso nel nostro Market),  che ancora oggi riporta nella sua etichetta una gradevolissima immagine di donna dalle chiare origini del centro-America. Provate anche le Ciambelline alla Moretta e la Torta alla Moretta. PREPARAZIONE A CASA: La Moretta si prepara riscaldando in un pentolino la Moretta con l’aggiunta di una scorzetta di limone. Versare poi il preparato (compressa la scorretta di limone) in un bicchiere di vetro - meglio se precedentemente riscaldato - e aggiungere il caffè preparato dalla moka o cialde, facendo particolare attenzione a creare la tipica stratificazione (il giallo del liquore, il nero del caffè e la bruna schiuma dell’espresso). Per ottenere questo risultato, il segreto è tenere inclinata la tazzina al momento della discesa del caffè! PREPARAZIONE AL BAR: Al bar quello che serve è una macchina espresso: con il beccuccio del vapore si scalda la miscela insieme alla scorza di limone direttamente nel bicchiere di vetro (no tazzina in ceramica, mi raccomando!); quando il preparato è ben caldo, si fa scendere il caffè espresso sul lato interno del bicchiere, facendolo “adagiare” sopra il mix alcolico in modo da ottenere la stratificazione dei componenti. INGREDIENTI: 1/4 Anice, 1/4 Brandy, 1/4 Rum, 1/4 caffè, Alcool idrato, zucchero, aromi, caramello E 150d. Bottiglia in vetro da 0,7 lt. Gradi: 25% Intorno alle dosi precise del mix dei tre liquori costitutivi della Moretta (rum, anice, brandy) c’è del mistero: molti ristoranti fanesi hanno la propria ricetta che custodiscono gelosamente, ognuno per difendere l’eccellenza del proprio prodotto; prodotti che in sostanza differiscono gli uni dagli altri nell’utilizzo di poche gocce di un liquore in più o in meno oppure nella scelta degli stessi prodotti di una diversa marca. CURIOSITA':
  • La Moretta compare nel Menu Ufficiale della cena di Papa Giovanni Paolo II con i pescatori fanesi, timbrato dal comune di Fano e con la descrizione della Moretta in latino.
  • Ricetta della Moretta definita dall’AIBES e pubblicata sul “Il dizionario dei cocktails” 2001, editore A.I.B.E.S. promotion s.r.l.
  • Guinness World Record della Moretta più grande del mondo, da 1600 litri, a Fano nel 2004.LEGGETE DI PI§ NELLA NOSTRA PAGINA "CURIOSITÀ"

    A typical traditional sailors drink, originated from Fano where it is used to spice up expresso coffee (preferred to the traditional expresso). The “Moretta” is an excellent drink made from a mixture of aniseed, moretto and brandy, in approximately equal parts but can vary according to personal recipes. Its preparation requires it being heated with or without sugar (depending on the preparation used) and lemon peel. It has an intense bat pleasant flavour and aroma.
Vendemmia: Raccolta a mano, la mattina presto o nel tardo pomeriggio, in piccole cassette riposte, prima di arrivare in cantina, in celle frigorifere. Fermentazione: Le uve, raccolte a fine settembre, dopo la pressatura soffice, vengono separate dalle bucce. Il mosto ottenuto, posto in vasche d’acciaio, viene portato ad una temperatura di 5°C. Decantato per ottenere un mosto limpido, viene quindi fatto fermentare a temperature controllate. Per tutto il tempo dell’affinamento in acciaio, che dura fino a Febbraio circa, l’ormai vino rimane ad una temperatura di circa 10°C per mantenere intatto il patrimonio aromatico. Vista: Giallo paglierino luminoso Olfatto: Fruttato, floreale e franco, offre un complesso corredo aromatico. Gusto: Fresco e fragrante, in questo vino troviamo tutti gli aromi caratteristici del vitigno accompagnati da eleganza e struttura notevoli. Piacevole è la sua spiccata acidità. Gradi: 13% vol. Anno: 2016 Prodotto in Italia Contiene solfiti Zona Di Produzione: Vigneti di proprietà situati ad Ascoli Piceno. Altitudine: 200-300 mt s.l.m. Tipologia Del Terreno: Medio Impasto Tendente Al Sabbioso. Vitigno: Chardonnay in purezza. Sistema di allevamento: Guyot Densità D’impianto: 5.000 Ceppi Per Ettaro. Resa per ettaro / ceppo: 80 q.li di uva circa / 2,5 Kg Di Uva Circa. Prima Vendemmia Imbottigliata : 1989. Abbinamenti: Il vino Chardonnay va servito a una temperatura di 10-12 C ed è ottimo in abbinamento a piatti a base di pesce, molluschi e crostacei, ma anche pollame e primi piatti leggeri a base di verdure.Bottiglia da 0,500 lt. Alcool 42% vol. Ingredienti: Acqua, alcol, distillato di anice, aroma naturale di anice Origine: Italia
 - Tipicità - La zona geografica che delimita la DOCG Offida ricade nella parte sud della regione Marche a cavallo tra le province di Ascoli Piceno e Fermo, e comprende un’area che va dalla zona litoranea sino ad arrivare ad una media alta collina. La Zona di Produzione del Vino DOCG Offida è localizzata come segue: la tipologia Offida Rosso riguarda la provincia di Ascoli Piceno e comprende il territorio dei comuni di Ripatransone, Offida, Acquaviva Picena, Castorano, Castel di lama, Cossignano, Appignano del Tronto e, in parte, il territorio dei comuni di Ascoli Piceno, Colli del Tronto, Spinetoli, Monsampolo del Tronto, Grottammare, Massignano, Carassai, Montefiore dell'Aso, Montalto Marche, Castignano, Monteprandone e San Benedetto del Tronto. VENDEMMIA Metà di Ottobre. A mano, la mattina presto o nel tardo pomeriggio, in piccole cassette riposte, prima di arrivare in cantina, in celle frigorifere. FERMENTAZIONE Dopo la diraspatura le uve vengono convogliate in fermentini in acciaio da 100 Hl, muniti di sistemi di rimontaggi e controllo della temperatura. La macerazione sulle bucce dura circa 28 giorni. Dopo la fermentazione il vino viene posto in barrique nuove, da noi personalmente selezionate, provenienti da varie tonnellerie artigianali francesi, per circa 18 mesi. Le diverse tipologie di vino vengono tenute separate fino al momento dell’assemblaggio, che avviene dopo un’accurata selezione dei prodotti in barrique.
COLORE Rosso rubino intenso, vivo e lucente. OLFATTO I profumi sono profondi e persistenti e scoprono al naso aromi precisi di frutta carnosa, di more in particolare, assieme a note di liquirizia e grafite. Leggeri sentori balsamici completano il quadro aromatico di grande complessità e persistenza. GUSTO In bocca è austero ed elegante, di forte impatto e di grande progressione gustativa, dal carattere fermo e deciso segnato da tannini finissimi, morbidi e rotondi.
RACCONTA IL PRODUTTORE: Ludi, nato come un gioco e il suo nome ne è la conferma. Perché non bisogna mai dimenticare lo stretto legame che esiste tra vino, piacevolezza, gioiosità; tutto ovviamente realizzato con la massima serietà. Con il Ludi ci siamo messi in gioco...non è un punto di arrivo, bensì un punto di partenza. Gradi: 14,5% vol. Anno: 2017 Prodotto in Italia Contiene solfiti
Zona Di Produzione: Vigneti di proprietà situati nei comuni di Offida e Castel di Lama. Altitudine: 200-250 mt s.l.m. Tipologia Del Terreno: Prevalentemente argilloso, tendenzialmente calcareo. Uvaggio: Montepulciano 50% Cabernet Sauvignon 30% Merlot 20 Sistema di allevamento: Cordone speronato Densità D’impianto: 5.000 Ceppi per ettaro. Resa per ceppo: 1,5 Kg Di Uva Circa. Prima Vendemmia Imbottigliata : 1998 ABBINAMENTI: Il Pecorino può abbinarsi a zuppe di pesce, brodetto, sarde alla marchigiana. Il Passerina si offre per gustosi abbinamenti con molluschi, crostacei e zuppe di pesce ma anche con la parmigiana di cardi. Il Rosso richiede abbinamenti a primi piatti con salse ricche e secondi piatti a base di carni sia rosse che bianche, ma soprattutto con formaggi e salumi caratteristici quali la Casciotta di Urbino, il Formaggio di Fossa, il Prosciutto di Carpegna e i salami.
PREMI & RICONOSCIMENTI

Luca Maroni 2020 - 98 PUNTI

Slow Wine 2020 - GRANDE VINO

Luca Maroni 2020 - 98 PUNTI

Gambero Rosso 2020 - DUE BICCHIERI

Veronelli Guide 2020 - 3 STELLE

Veronelli Guide 2020 - 3 STELLE

London Wine Competition 2020 - MEDAGLIA D’ARGENTO

CWSA Best Value 2020 - MEDAGLIA D’ORO

London Wine Competition 2020 - MEDAGLIA DI BRONZO

Vinous - 92 PUNTI

Daniele Cernilli Guide 2019 - 94 PUNTI

Merano Wine Festival 2019 - Wine Hunter AWARD 89,99/100

Veronelli Guide 2019 - 3 STELLE SUPER

Awc Vienna 2018 - MEDAGLIA D’ORO

Luca Maroni 2019 - 98 PUNTI

Gambero Rosso 2019 - DUE BICCHIERI

International Wine Challenge 2019 - MEDAGLIA DI BRONZO

CWSA Best Value 2019 - DOPPIA MEDAGLIA D’ORO

Vitae La Guida Vini 2019 - 4 VIT

Berlin International Wine Competition 2019 - MEDAGLIA D’ARGENTO

Dwwa 2019 - MEDAGLIA DI BRONZO

Cathay Pacific Hong Kong International Wine and Spirit Competition 2018 - MEDAGLIA D’ARGENTO

Marche in the glass Guide 2019 - ECCELLENZA 2019

Wine Advocate, Monica Larner - 91 PUNTI

San Francisco international Wine Competition 2018 - MEDAGLIA DI BRONZO


CURIOSITA': Nelle fasi di vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti della zona atte a conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche di qualità. Le pratiche enologiche di vinificazione del Vino DOCG Offida prevedono, tra l'altro, che: - La resa massima dell'uva in vino per tutte e 3 tipologie di vino Offida: Pecorino, Passerina e Rosso, deve essere non superiore al 70%. Qualora la resa uva/vino superi detto limite ma non il 75%, l'eccedenza non ha diritto alla denominazione di origine controllata e garantita. Oltre il 75% decade il diritto alla denominazione di origine controllata e garantita per tutta la partita. - Le pratiche enologiche sono quelle tradizionali della zona per la vinificazione in bianco; per i vini rossi, oltre alle tradizionali pratiche di vinificazione dei vini rossi tranquilli, essendo l’Offida Rosso un vino strutturato di ampio corpo e molto longevo, l’elaborazione comporta un periodo di invecchiamento obbligatorio di 24 mesi di cui 12 mesi in legno e di ulteriori 3 mesi di affinamento in bottiglia. Con l’utilizzo della DOCG Offida i Produttori Vinicoli Marchigiani sono orgogliosi di presentare al consumatore un Vino di Qualità che ha più cose da raccontare rispetto ad altri: da dove proviene, come viene lavorato, le origini storiche e le caratteristiche che lo identificano in un territorio ben definito che l'appassionato o l'estimatore potrà maggiormente percepire ed apprezzare durante la Visita alle Cantine che operano nell'ambito di questa denominazione. La millenaria storia vitivinicola del Piceno, territorio di coltivazione dei vitigni della DOCG Offida, che va dall’epoca dei Piceni fino ad oggi, attestata da numerosi documenti e reperti, si sostanzia nella costante interazione dell’uomo con il territorio, nelle tradizionali tecniche di coltivazioni della vite e delle tecniche enologiche, tramandate da generazioni di contadini che con il passare del tempo si sono sempre più evolute ed affinate, fino a dare come risultato i vini Offida DOCG. Nell’epoca medioevale i prodotti dei campi riuscivano a malapena a sfamare i pochi abitanti dei piccoli borghi; nell’etá dei Comuni anche nel piceno le condizioni di vita migliorarono, con un conseguente aumento dei consumi. La vite riprese un ruolo significativo nell’economia rurale e nella societá anche perché il vino cessó di essere una bevanda solo liturgica, o comunque di esclusivo appannaggio del clero e dei nobili, ed entró nelle abitudini di una più vasta comunitá di persone. Durante il periodo della mezzadria la vite era coltivata in arativi vitati che permettevano nuovi equilibri economici, seppure a costo di un maggiore sfruttamento dei suoli. In quel periodo il vino era considerato un alimento. Negli anni del passaggio dallo Stato Pontificio al Regno d’Italia, verso il 1890 giunse nel Piceno la Fillosera, mentre dieci anni prima era giunta la Peronospora, entrambe importate dall’America e i due parassiti si aggiunsero all’Oidio giá segnalato prima. Per la viticoltura Picena fu un colpo devastante. Mentre l’Oidio si riusciva a contenerlo con lo zolfo, per entrambi gli altri due parassiti dovettero passare diversi anni prima che fossero trovati i giusti rimedi, soprattutto per la fillossera. La soluzione per combattere il parassita venne trovata dopo circa quarant’anni, con l’impiego dei portinnesti di vite americana; fu proprio in questo periodo che nelle Marche nacquero le Cattedre Ambulanti di Agricoltura, che svolsero un ruolo importantissimo nel miglioramento delle tecniche di coltivazione e nel rinnovamento degli impianti viticoli e delle tecniche enologiche. Dopo la prima guerra mondiale, con la nascita dei nuovi movimenti sociali, si formarono le prime leghe contadine ed i proprietari si impegnarono a migliorare la produttività dei fondi, con una seppur lenta introduzione di nuove tecnologie che accrescessero i redditi delle famiglie contadine, quali i perticari con gli aratri in ferro, le prime trattrici, l’impiego di fertilizzanti minerali etc. Ai primi successi si reagì con la frammentazione dei poderi e con la riduzione delle superfici degli stessi, nei quali tutta la famiglia contadina lavorava, dai bimbi alle madri feconde. É in quegli anni che iniziò la trasformazione della viticoltura Picena, nonostante la diminuzione delle superfici totali, con il passaggio da promiscua a specializzata. Con la fine della mezzadria nel Piceno vennero alla ribalta nuove figure di proprietari che accorpando più poderi dettero vita ad aziende a conduzione diretta. Alla fine degli anni ‘80 si accresce l’interesse per i vitigni di antica coltivazione di questa area, Pecorino, Passerina e Montepuliciano, che per iniziativa di alcuni viticoltori lungimiranti della zona vennero studiati, piantati, coltivati con il risultato di dare origine a dei vini unici, apprezzati sia in Italia che all’estero. Su di essi iniziarono allora progetti di divulgazione e promozione che sfociarono nel 2001 nell’istituzione della DOC Offida. Negli anni successivi visti i successi nel campo commerciale, e per rispondere alle esigenze dei produttori di migliorare sempre più le tecniche di coltivazione, Vinea, un’associazione di produttori viticoli, promosse in collaborazione con l’Universitá di Milano uno studio di zonazione dell’area dove vennero studiate le interazioni dei tre vitigni con l’ambiente e con i fattori umani per valutare la vocazionalità dei vitigni suddetti all’ambiente di coltivazione del Piceno. Sull’onda dei risultati di questo studio e sui sempre maggiori apprezzamenti e riconoscimenti sia a livello nazionale sia internazionale dei vini Offida, nel 2010 è iniziato l’iter per chiedere il riconoscimento della DOCG, che puntualmente é arrivato con DM del 15 giugno 2011.
Weight
DimensionsN/AN/AN/AN/AN/AN/A
Additional information
Quantità ml

700 ml.

Quantità ml

750 ml.

Quantità ml

700 ml.

Quantità ml

750 ml.

Quantità ml

500 ml.

Quantità ml

750 ml.

Translate »
Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Image
  • SKU
  • Rating
  • Price
  • Stock
  • Availability
  • Add to cart
  • Description
  • Content
  • Weight
  • Dimensions
  • Additional information
  • Attributes
  • Custom attributes
  • Custom fields
Click outside to hide the comparison bar
Compare
Compare ×
Let's Compare! Continue shopping